Dagli Usa 007 speciali per Cina, Iran e Corea del Nord

nucleare 2006

Il primo test di questa collaborazione riuscita è arrivato con l’uccisione di Bin Laden. La nomina del generale Petraeus alla guida di Langley è stato il primo segnale della parziale militarizzazione del controspionaggio anche se il ministro della difesa rimarrà sempre un civile. I formidabili passi avanti della tecnologia favoriranno questo passaggio per non perdere di vista i target ad altissima sensibilità come Iran e Cina, ma anche Corea del Nord e l’intero Medio Oriente. Panetta e Petraeus sono già i bracci armati della diplomazia Obamiana. Dipenderà dalla determinazione e dalla forza di questi loro diplomatici-soldati-spia il futuro della stabilità in Iraq e in Afghanistan quando anche le ultime truppe combattenti se ne saranno andate. Terroristi e mercanti di atomiche avranno di fronte d’ora in avanti «agenti invisibili» ma con capacità letali.

Fonte Quotidiano

Il Lazio è la regione delle persone scomparse

Il Lazio è la regione con il più alto numero di scomparsi. 6.245, cioè quasi un quarto del totale, tra questi anche il caso di Emanuela Orlandi. Al secondo posto c’è la Lombardia (3.303) seguita dalla Campania (2.997). Poi la Sicilia e la Puglia. In tutti i casi la Sicilia e la Puglia, Il 15% di questi individui (3.651) sono minori fuggiti dall’istituto che li ospitava: nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di ragazzini stranieri, soprattutto afgani, romeni e marocchini. L’11% del totale si è invece allontanato volontariamente. Considerevole è anche il numero di spariti che soffrono di disturbi psicologici o neurologici, come nel caso dei malati di Alzheimer. (536). E ancora i casi di sottrazione da coniuge (284), e possibili vittime di reato (90 casi, di cui 22 minori). 832 sono invece i cadaveri di persone la cui identità è ancora sconosciuta. Di questi, la maggior parte sono stati trovati in Lazio. 158 sono stati recuperati in mare, 93 in fiumi o laghi.

Continua dunque a crescere in Italia il fenomeno delle persone scomparse: «in media, le denunce sono più di 9.000 l’anno, per una media di 25 al giorno; 24 di queste vengono ritrovate», ha affermato il prefetto Penta. «Bisogna insistere per ridurre al massimo questa problematica» ha ribadito la Cancellieri. «Una famiglia a cui scompare qualcuno, è una famiglia provata, che non riesce a darsi una ragione. Come si può capire quando succede una cosa del genere? È veramente terribile. Quelli emersi oggi sono dati importanti – ha precisato – ci stiamo lavorando. Possono essere molto utili per la polizia. Si può e si deve insistere su questa strada».

Fonte Fanpage