Conclave: sistema Jammer per “disturbare” intrusioni tecnologiche

Qualcosa del genere che viene impiegato nei teatri operativi militari, vedi l’Afghanistan per restare a zone dove sono presenti anche forze militari italiane, o quando ci sono summit con capi di Stato e obiettivi sensibili. L’intero perimetro, o recinto, che va dalla Domus Sanctae Marthae, dove i cardinali elettori alloggeranno da domani mattina, e fino alla Cappella Sistina, dove si svolgera’ il Conclave, e’ tutto sotto stretta copertura e sorveglianza ad opera di tecnici specializzati della gendarmeria vaticana, che utilizzano jammer. Non ci saranno piu’ contatti con il mondo esterno, internet e telefoni cellulari muti, neanche a parlarne di connessione wireless. I cardinali si sposteranno – a piedi o su pullmini – dalla Domus seguendo percorsi protetti e sorvegliati, e cosi’ sara’ al ritorno dalla Sistina a fine mattinata e a inizio serata, dopo i turni di votazione. Controlli e bonifiche sono in atto da giorni, le comunicazioni sono schermate, ricorrendo appunto al sistema Jammer che manda onde di disturbo elettromagnetico. Vigilanza continua ma nessuna perquisizione per i cardinali. non saranno sottoposti a perquisizioni. Nel tragitto tra la Casa Santa Marta e la Cappella Sistina tutti gli accessi sono stati sigillati.

Fonte AGI

Servizi segreti – Intervista all’ex capo dei Servizi segreti Bruno Contrada

servizi-segreti-bruno-contrada

L. PACE: Quali erano le funzioni del SISDE?

B. CONTRADA: … Il SISDE è il servizio per l’informazione… per la sicurezza democratica, per la sicurezza interna. Dopo l’evolversi della situazione politica del tempo, caratterizzata dai fenomeni del terrorismo nero e rosso, la criminalità organizzata, specialmente la mafia aveva assunto una dimensione tale da costituire un pericolo per la democrazia, per lo Stato, per la Repubblica. Si ritenne che una parte, e dal punto di vista soggettivo, cioè del personale che dei mezzi a disposizione, dovesse essere impiegata per la lotta a questa forma di eversione non politica ma criminale. Io fui impegnato in prima persona e in primo luogo nella riorganizzazione del servizio in funzione anticrimine organizzato, antieversione criminale; con l’incarico di costituire presso i centri SISDE delle località più impregnate di mafia, dalla Sicilia alla Calabria, alla Campania, di organizzare dei nuclei particolari specializzati che fossero in grado di contrastare, a fianco agli organi di polizia giudiziaria, la lotta al crimine organizzato.
All’epoca, si stava costituendo un nuovo organismo di polizia che avrebbe coperto anch’esso questo compito particolare. La DIA. Una struttura che per temi operativi potremmo definire concorrenziale.
L. PACE: Il rapporto DIA – SISDE, secondo lei, era dunque un rapporto concorrenziale. Non c’era collaborazione?

B. CONTRADA: Nei 10 anni che sono stato al SISDE ho collaborato con l’arma dei carabinieri e la polizia di Stato, specialmente nel periodo in cui ho diretto i centri di Roma e del Lazio ed ebbi l’incarico di occuparmi in maniera particolare proprio del crimine organizzato.. principalmente con l’arma dei carabinieri. Non ho avuto nessun rapporto con la DIA. Della necessità di un organismo di polizia che si occupasse prevalentemente ed esclusivamente di crimine organizzato, ne avevo parlato in una mia informativa del 1982… quasi dieci anni prima che nascesse la Dia…

L. PACE: Castel Utveggio, indicato in passato come centro operativo del Sisde , dal quale si disse potesse essere stato usato il telecomando che innescò la carica esplosiva che provocò la strage di via D’Amelio, nella quale morirono il Giudice Borsellino e la sua scorta, era davvero una sede dei servizi segreti?

B. CONTRADA: Assolutamente no. La verità che al Castello Utveggio c’è il CERISDI, un centro di formazione per i dirigenti della regione siciliana. Il Prefetto Verga, che era stato per circa un anno Alto Commissario per il coordinamento della lotta contro la mafia dopo il Prefetto Emanuele De Francesco e dopo il Prefetto Riccardo Boccia, quando fu sostituito da Domenico Sica, magistrato della Procura della Repubblica di Roma fatto Prefetto e nominato Alto Commissario, venne data la presidenza del CERISDI che aveva sede nel Castello Utveggio. Verga chiese al SISDE di portarsi con lui come segretario particolare, come guardia del corpo, come uomo di fiducia, un impiegato (era un segretario) del SISDE che aveva lavorato con lui quando era Alto Commissario. Questi evidentemente aveva mantenuto rapporti con i suoi colleghi del centro SISDE di Palermo con cui io non avevo niente a che fare perché in quegli anni ero a Roma da parecchio tempo e nel periodo della strage Borsellino era il colonnello dei carabinieri Ruggero, molto legato al Procuratore della Repubblica Caselli, il responsabile del SISDE. L’equivoco nacque dunque dalla presenza a al Castello Utveggio di questo collaboratore di Verga che aveva mantenuto rapporti con i suoi ex colleghi del SISDE . Il centro SISDE di Palermo non aveva nessuna sede occulta, segreta o ufficio distaccato al Castello Utveggio. Questo aspetto, è stato oggetto di indagini dopo che un consulente tecnico della procura aveva profilato l’ipotesi che dal Castello Utveggio fosse partito il comando dell’esplosione dell’automobile (strage via D’Amelio – ndr) …. questo è stato escluso completamente dalle sentenze che sono state emesse sulla strage Borsellino.
L. PACE: Lei ritiene possibile che in quegli anni potessero esistere strutture che operavano come mondi paralleli allo stesso SISDE, come appurato con la presenza di Gladio o come accadeva negli Stati Uniti dove oltre ai servizi ufficiali operavano agenzie alle quali venivano demandati compiti “diversi” da quelli istituzionali?
B. CONTRADA: In dieci anni di servizio al SISDE non ho mai avuto notizie di organismi del genere che operassero in maniera parallela ai servizi ufficiali. I servizi di sicurezza come il SISDE e il SISMI, potevano avere tanti difetti ma non quello di lavorare con – o per – mondi occulti…. mi sono sempre occupato di criminalità organizzata. Ho svolto la mia attività informativa per combattere il crimine organizzato non soltanto operando sulla mafia, ma anche sulla camorra, sulla ndrangheta in Calabria, in Campania, in Roma nel Lazio. Di Gladio so tutto quello che sanno i cittadini italiani che leggono i giornali o che hanno letto i giornali. Non ho mai avuto notizie diverse da quelle pubblicate dai giornali… Venni a conoscenza di Gladio quando, se non ricordo male, il Presidente del Consiglio Giulio Andreotti dichiarò che c’era una struttura di cui si era interessato anche Cossiga quando era sottosegretario all’interno.
(In merito all’esistenza di strutture parallele, va evidenziato come gli Stati Uniti abbiano utilizzato circa 12.000 unità presso strutture non direttamente riconducibili al governo americano, in attività di intelligence o alle stesse connesse. All’inizio degli anni settanta, al tempo dello scandalo Watergate, vennero fuori le attività di spionaggio interno e i tentativi di uccisione di leader stranieri da parte della CIA. Lo scandalo che ne nacque, portò a misure quali il divieto alla CIA di assassinare leader stranieri e lo spionaggio di cittadini o organizzazioni statunitensi all’interno della nazione. L’ostacolo venne aggirato con la creazione di strutture parallele non governative, il cui controllo, proprio per evitare connessioni, sfugge agli stessi servizi ufficiali. Appare assai probabile a chi scrive, che la stessa cosa sia potuta accadere in Italia, laddove strutture quali Gladio o la cosiddetta “Falange Armata” potrebbero aver operato al di fuori dei servizi di sicurezza. Se così fosse, lo stesso Contrada, nonostante il ruolo ricoperto nel SISDE, poteva esserne all’oscuro – Nota di Gian J. Morici).
L. PACE: Qual era il livello della sua posizione gerarchica nel SISDE?
B. CONTRADA: Sono stato indicato come il numero 2 del SISDE, senza che lo fossi mai stato. Prima di me c’è ne erano altri di funzionari di grado e di incarichi più elevati del mio. C’erano i caporeparto . Io non sono mai stato caporeparto. Però a livello mediatico faceva comodo indicarmi non come dirigente generale della Polizia di Stato o come commissario o come questore, o come funzionario di polizia distaccato dei servizi, bensì agente segreto 007, numero 2 del SISDE.. Questo faceva, come dire, impatto mediatico. Come lei sa, i servizi segreti sono stati da sempre , e non soltanto in Italia, motivo di interesse, di curiosità… Tutto quello che si diceva sui servizi segreti, vero o di fasullo che fosse, faceva notizia… I nostri servizi sono controllatissimi. Sia dalla magistratura che in sede politica. Basti pensare che c’è un comitato parlamentare il COPASIR che controlla l’operato dei servizi segreti, i cosiddetti segreti, perché i nostri sono servizi di sicurezza non sono segreti. L’ho detto anche nel mio libro perché per me il vero servizio segreto è il Mossad. A completare questo controllo, c’è quello mediatico operato dalla stampa

L. PACE: A proposito di coinvolgimenti di presunti 007, si è tanto parlato del cosiddetto “ faccia da mostro”, indicato anche nella strage di via D’Amelio. Qualche ipotesi, per lo più giornalistica, ha individuato questa figura in Aiello, un agente della polizia in pensione.

B. CONTRADA:
Aiello? Faccia di mostro. Aiello? Si è parlato di un agente segreto con la faccia di mostro ma non si è mai saputo chi fosse. E questo è come il signor Franco o il sig. Carlo di cui parla Ciancimino (Massimo – ndr) che dice quell’agente segreto che aveva rapporti con lui che era di collegamento con la mafia.. Non si è mai saputo e non si sa se è un’invenzione di Ciancimino oppure se “faccia di mostro” è una persona che esiste effettivamente. Io non ho mai conosciuto nessun appartenente al servizio, nei cui ranghi ho prestato servizio per circa 10 anni, che avesse dei caratteri somatici o di bruttezza orrenda tale da poter essere definito faccia di mostro.

(La figura di “faccia da mostro”, oltre che nelle vicende relative alla strage di via D’Amelio, compare nel delitto dell’agente Nino Agostino e della di lui moglie. Una storia sulla quale torneremo a breve Gian J. Morici).

L. PACE: A seguito del processo “Stato-Mafia”, torna di grande attualità storia dell’agenda rossa di Borsellino…

B. CONTRADA: Si, l’anonimo che dice che l’agenda rossa l’ha presa un carabiniere… fu pubblicata una fotografia perché dopo anni fu trovato un filmato che rappresentava la scena della strage di via D’Amelio, dove si vedeva questo allora capitano che adesso è colonnello –Giovanni Arcangioli – che si allontanava con in mano la borsa prelevata dall’auto del Dott. Borsellino dopo l’esplosione. La fotografia ritrae il capitano Arcangioli che ha in mano la borsa del magistrato, ma non si vede la famosa Agenda Rossa di Borsellino. Del resto, lo stesso ufficiale ha ammesso di aver prelevato quella borsa e di averla poi consegnata alla polizia. Lui – questa è la sua dichiarazione – ha subito un procedimento penale che si è risolto con la sua assoluzione. È stato prosciolto. Le mie osservazioni vengono da una conoscenza indiretta dei fatti che apprendo tramite i mezzi d’informazione…Tenga presente che si è cercato di insinuare che io fossi sul posto della strage (Borsellino – ndr) qualche attimo dopo l’esplosione della bomba. Poi ho dimostrato in maniera incontrovertibile, in maniera incontestabile, che io non ero lì e non ero in via D’Amelio e non ero su nessun territorio della faccia della terra perché ero in alto mare con un mio amico e con 10-11 persone che potevano testimoniare la mia presenza lì (sulla barca – ndr). La calunnia che voleva che la mia presenza fosse stata notata dalla prima volante della polizia arrivata sul posto, che questa volante mi avesse identificato, che mi avevano chiesto i documenti, che avevano fatto una relazione circa la mia presenza lì… Tutto risultato poi falso, perché gli agenti interrogati hanno detto: “ma quando mai abbiamo visto il Dott. Contrada?…ma quando mai abbiamo fatto questa relazione?… ma, assolutamente, non è vero” . Non sto a rivangare questi episodi veramente indegni di una società civile e di uno stato di diritto…

L. PACE: Lei Giovanni Arcangioli lo conosceva?

C. Contrada: No. Mai sentito, mai visto, mai conosciuto. Durante il servizio che ho prestato a Palermo non credo che lui fosse lì… Conosco la sua figura, il suo nome dai giornali. Ho riferito queste cose nel mio esposto denuncia poco prima di entrare nel carcere “S. M. Capua Vetere”, presentandolo personalmente al Procuratore della Repubblica di Caltanissetta nel marzo del 2007, chiedendo che fosse fatta luce su tutta questa vicenda. Si è archiviato tutto… non si è fatto niente…

L. PACE: trattativa “Mafia Stato”. Lei ha conosciuto Mori e Subranni?

B. CONTRADA: Sì, certamente. Subranni molto di più di Mori. Con Subranni ho avuto rapporti più stretti, abbiamo anche collaborato quando lui era lui era comandante del Reparto Operativo di Palermo ed io ero capo della Squadra Mobile; in quegli anni quando lui era capitano, maggiore poi è ritornato a Palermo da Comandante della Legione Carabinieri, da colonnello e poi l’ho incontrato più volte a Roma quando è stato fatto comandante del ROS. Mori di meno, non ho mai svolto alcuna attività significativa con lui, però, lo conoscevo. E’ venuto anche al mio processo a testimoniare…

Fonte Lavalledeitempli

Elicottero ‘spia’ e il guanto per telefonare: tutte le novità al Cebit

drone-elicottero

Anche lo spazio piu’ tradizionalmente dedicato all’ozio, quelle ore in poltrona davanti alla tv, puo’ essere per esempio sfruttato per la salute. Fraunhofer Institute ha messo a punto un modello di poltrona in grado di controllare peso, battito cardiaco, pressione arteriosa e postura grazie ai sensori integrati, e se individua qualche chilo di troppo puo’ trasformarsi in personal trainer e vogatore, suggerendo gli esercizi da fare con i due ‘remi’ incorporati: “Il modello dovrebbe entrare sul mercato entro un anno – spiega Matthias Struck, capo del progetto – costera’ circa duemila euro ed e’ dedicato alle fasce piu’ anziane”.

Tra gli oggetti dedicati alla salute portati dagli oltre 4100 espositori da 70 paesi c’e’ anche un ‘cuddle jacket’, una giacca che grazie a una serie di bolle d’aria controllate via smartphone riesce a simulare diversi tipi di coccole: “Non e’ solo un gadget – sottolinea James Teh, fondatore dell’azienda di Singapore che ha messo a punto il dispositivo – i nostri esperimenti hanno dimostrato che T Jacket riesce a calmare i bambini con autismo o da problemi di socializzazione, e i sensori integrati riescono a predire quando chi lo indossa sta per avere una crisi”.

Ma tra gli stand della rassegna tedesca ci sono anche gadget per chi vuole sentirsi un po’ come James Bond. La cinese Winnershine Technology ha portato un guanto collegabile via Bluetooth al cellulare che permette di fare telefonate, con il microfono nel mignolo e l’auricolare nel pollice. Da Hong Kong viene invece il minielicottero spia comandato via smartphone che puo’ fare foto e video, prodotto da Woddon Industrial, che ha portato anche una app che trasforma lo smartphone in una mazza da golf. Agli improvvisati giocatori basta imitare uno swing e l’applicazione calcola l’esatta traiettoria del tiro. Sempre dall’Asia viene una penna in grado di scannerizzare i documenti traducendoli automaticamente in piu’ di 20 lingue mentre a New York si sono inventati dei biglietti di auguri che sembrano i giornali animati dei film di Harry Potter: ad un costo tra 25 e 45 euro si puo’ mostrare sul dispositivo, delle dimensioni di un cartoncino di auguri normale, un video caricato via Usb.

Fonte Italiachiamaitalia

Investigatore privato: la professione

investigatore-privato-detective

Come hai cominciato a fare l’investigatore privato? Ti piace il lavoro?
«Sì mi piace molto e ho cominciato a fare l’investigatore privato quasi per caso: mentre cercavo lavoro per mantenermi ho mandato un po’ di curricula e tra gli annunci che ho trovato on line ne ho trovato uno in cui cercavano personale da inserire in un organico per un’agenzia investigativa come “pedinatore”. Ho inviato il curriculum, sono stato contattato e mi hanno fatto fare test con pedinamenti simulati; una volta che hanno visto come lavoravo abbiamo avviato la collaborazione e da li è cominciato tutto.

Come procedete durante un’investigazione?
«C’è il classico appostamento dell’individuo che si sospetta fare una determinata attività, oppure il pedinamento, in cui bisogna seguire una persona nei suoi spostamenti.

Quali sono i servizi più richiesti?
«Direi che da quando ho iniziato a fare l’investigatore privato mi è capitato di lavorare principalmente su casi di tipo matrimoniale. Adesso, in periodo di crisi, il privato è un po’ calato, mentre gli aziendali confermano sempre la richiesta di servizi, grazie ad attività quali controlli mutua o spionaggio industriale.

Ci sono periodi in cui lavorate meno? Hai mai dovuto andare all’estero?
«I lavori morti capitano, essendo un lavoro a chiamata, quindi in base alla quantità di lavoro e ai servizi ci sono periodi in cui non ci si ferma un attimo e periodi più tranquilli, come ad agosto. Durante l’anno capitano molti casi matrimoniali, mentre d’estate ci sono più servizi di tipo aziendale, riguardanti soprattutto i controlli mutua. All’estero sono andato anche se non spesso, solamente se la persona da seguire partiva. Mi è capitato di andare a Capoverde, in Svizzera e in Spagna».

Quanto può durare una giornata di lavoro e che strumentazione utilizzate?
«Dipende, possono essere 4 ore di indagine come 12-15. Come strumentazione abbiamo una telecamera, ovviamente come prova un filmato è molto meglio di una foto. Poi un registratore per annotarsi quello che succede, la macchina, e attrezzatura come ad esempio antennine gps calamitate che vanno messe sotto la macchina del soggetto da seguire, per fornire la posizione della macchina del soggetto da pedinare».

E’ mai capitato che ti scoprissero?
«Sì è capitato, e solitamente ci sono diverse tipologie di comportamenti delle persone che scoprono di essere pedinate, da quello che cerca di fuggire con la macchina, a quello che si ferma e scende dall’auto apposta per dimostrarti che ti ha visto, a quello più pericoloso che fa finta di niente, si lascia pedinare per poi portarti a qualche via chiusa dove c’è qualcun’altro ad aspettare…».

L’investigatore privato collabora con le forze dell’ordine?
«Può succedere, l’unico servizio che ho fatto e che successivamente ha coinvolto le forze dell’ordire riguardava una signora che riceveva minacce anonime: lei aveva un dubbio e ci ha inviato da una persona che poi è risultata effettivamente lui, è stata arrestata e poi siamo stati interrogati per testimoniare».

Che tipo di contratto avete?
«In tre anni il mio contratto è cambiato ogni anno; all’inizio avevo Partita IVA, poi dopo un anno ho cambiato agenzia e ho avuto un contratto a progetto. Da quest’anno invece la Federpol, la Federazione Italiana Investigatori Privati, ha stilato un contratto apposito per la nostra categoria, essendo il nostro un lavoro a chiamata. Ora io ho un contratto a tempo indeterminato con contributi, ferie, tredicesima e quattordicesima».

Quanto può guadagnare un investigatore privato?
«Dipende dalla mole di lavoro, da un minimo di 800 euro al mese ad un massimo di 4.000, anche se generalmente lo stipendio medio è di circa 1.500 euro».

I pro e contro del tuo lavoro?
«A me piace non avere un orario fisso, anche se il primo anno è  stata molto dura avere una vita sociale normale. Capita infatti che ti chiamino in ogni momento, la disponibilità è di 24 ore tutti i giorni. Nessuno ti obbliga ad accettare, si può anche dir di no, ma si perde la giornata di lavoro e tante agenzie dopo troppi “no” non ti chiamano più».

Quali sono le caratteristiche più importanti da possedere per chi svolge un lavoro come il tuo?
«Il lavoro non è dei più leggeri, capita di fare appostamenti di parecchie ore stando in macchina, è necessario avere capacità di adattamento per le situazioni critiche, molta pazienza e attenzione».

Hai qualche consiglio per chi vuole intraprendere questa attività?
«All’inizio è molto dura perché l’agenzia deve capire che persona sei e testarti, quindi deve riuscire a darti fiducia poiché si lavora su dati sensibili: ad esempio su un matrimoniale si rischia di rovinare la vita a una persona. Per cominciare si viene chiamati solo in occasione di servizi più semplici, si lavora con un agente più esperto, comunque ribadisco, ci vuole anche tanta pazienza a livello personale».

Fonte La Stampa

Intrighi, misteri e potere, la Santa Sede in mano agli 007

vaticano4

Da una parte la gran voglia di bucare con lo spillo della conoscenza la cappa di omertà e di silenzio. Dall’altra la paura di finire emarginati, perseguitati, messi al bando. Adesso capisco quando un laico importante consulente del Vaticano mi ripeteva, magari esagerando, che «Bertone lancia le fatwa.Se non sei con lui, sei contro di lui.

Se parli bene di qualcuno caduto in disgrazia anche tu cadi in disgrazia. Ed è la fine». Questo consulente è andato contro un blocco di potere che Bertone ha costruito negli anni da segretario di Stato, nei dicasteri, nei dipartimenti nevralgici della Santa Sede. Ed è finito polverizzato.

Oggi scopriamo che Bertone aveva disposto il controllo capillare di telefonate e email in Vaticano, durato mesi, settimane. Forse anni. E tutto ciò ci dovrebbe far capire come nello Stato Città del Vaticano, monarchia assoluta, ci siano due parole che valgono quanto, e più, che in ogni paese moderno: informazioni e sicurezza. Il flusso delle informazioni è costante. Si articola su diverse ragnatele che raccolgono e riportano alla Santa Sede quanto accade. A iniziare dalla rete diplomatica nel mondo che condivide con la segreteria di Stato ogni criticità del Paese ospitante e della comunità cattolica locale. I dati si arricchiscono poi attingendo alle numerose banche dati dove vengono raccolti fascicoli tematici su questioni rilevanti per il Vaticano, su soggetti, movimenti, argomenti, questioni aperte, conflittualità. Il cuore pulsante di questa rete è «l’ufficio cifra» della Segreteria di Stato che cripta e decripta le centinaia di messaggi appunto top secret che arrivano e partono dalle nunziature. Il lavoro di analisi avviene in più uffici della segreteria di Stato e di settori della sicurezza vaticana. A seconda della criticità, del rilievo, e dell’argomento trattato. L’ufficio cifra è inaccessibile ai non addetti. Ci sono badge e chiavi d’ingresso particolari. Come un altro centro di ascolto attivo che riguarda una sorta di Echelon virtuale, una macchina capace di analizzare secondo parole-chiave il grande traffico sulla rete. Individua tutti i messaggi, gli interventi, i blog, ogni espressione virtuale che contenga determinate parole. Compatta e seleziona poi la ricerca che serve per stilare analisi che risalgono la gerarchia. Tutto ciò si integra alle investigazioni preventive e giudiziarie operate dalla gendarmeria vaticana che non solo è guidata da un ex appartenente ai servizi segreti italiani, Domenico Giani, ma che con settori dell’intelligence italiana vanta consolidati rapporti. Certo, la relazione tra Giani e Niccolò Pollari, l’ex capo del Sismi, il servizio segreto militare, era pessimo ma si tratta di acqua passata, soprattutto con i governi Berlusconi prima e Monti oggi in Italia, la piccola monarchia ha potuto contare su solide entrature nei sistema di sicurezza e in settori delle polizie italiane.

Fonte Liberoquotidiano