La Turchia bombarda la Siria: «Pronti ad azioni militari». L’Italia appoggia Ankara

turchia2--180x140

Il titolare della Farnesina ha poi ribadito la sua «solidarietà e quella del governo italiano all’esecutivo turco».

GLI SCONTRI – Diversi soldati siriani sono stati uccisi nella notte (le prime stime parlano di 5 morti e 15 feriti) nei bombardamenti dell’esercito turco contro una posizione dell’esercito siriano nella regione di Rasm al Ghazal, nei pressi della città di Tal Abiad, alla frontiera tra la Siria e la Turchia. Il parlamento turco si riunirà ad ore per discutere l’autorizzazione al governo a ordinare azioni militari in zone del territorio siriano a ridosso della frontiera comune. Lo riferiscono media locali riferendo gli esiti di una riunione del governo Erdogan tenuta dopo il tiro di mortaio caduto dalla Siria in Turchia.

IL RUOLO DELL’ONU – Intanto sul fronte diplomatico, una riunione urgente della Nato si è svolta nella notte a Bruxelles su richiesta della Turchia in cui l’Alleanza atlantica ha chiesto lo stop immediato all’aggressione contro la Turchia. Il bombardamento «è una grave violazione delle leggi internazionali» e costituisce un motivo di grande preoccupazione per tutti gli alleati, che lo condannano con forza«, si legge in un comunicato diffuso al termine della riunione. L’Alleanza «continua a sostenere la Turchia e chiede di mettere immediatamente fine a questi atti aggressivi contro un Paese alleato«. Oggi si riuniranno i membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu per discutere sugli incidenti e sulla situazione di estrema tensione tra i due Paesi. La Turchia ha intanto già chiesto che il Consiglio di sicurezza intervenga contro Damasco. «Si tratta di un atto di aggressione della Siria contro la Turchia – ha detto l’ambasciatore Onu Ertugrul Apakan in una lettera all’ambasciatore del Guatemala, presidente di turno, Gert Rosenthal – che costituisce una flagrante violazione della legge internazionale».

Fonte Corriere

Related posts