Il computer con la spia al suo interno

NEWS 61465

All’insaputa dei proprietari, il malware avrebbe controllato le macchine per attività di criminalità comune, spionaggio e cyber-guerra.

L’inchiesta dell’intelligence di Microsoft è cominciata nell’agosto 2011, con l’esame di una ventina di notebook e desktop con sistema operativo Windows precaricato, acquistati in negozi di varie città cinesi. Il sistema operativo era stato modificato abilmente per nascondere malware, in particolare Nitol.A, un cavallo di Troia mutante, polimorfico, in grado di modificare la sua struttura.

Gli agenti di Microsoft trovano Nitol.A in quattro computer: tre sistemi sarebbero zombie, che però vengono risvegliati e iniziano a far danni quando l’utente del quarto computer si connette alla rete. Il Nitol.A modificato è un pifferaio magico in grado di controllare le altre macchine contagiate per commettere crimini informatici, cioè sottrazione di dati sensibili (identità, codici, password, conti bancari, eccetera) e veri e propri atti di cyber-guerra.

Chi utilizza una macchina infetta non si accorge di nulla, mentre il computer diventa parte di una Botnet, una rete occulta creata per delinquere.

Dice Microsoft, che ha presentato una denuncia dettagliata alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Orientale della Virginia, che l’organizzazione criminale si nascondeva dietro il sito 3322.org, registrato a nome della società Bei Te Kang Mu Software Technlogy, il cui proprietario Peng Yong nega qualsiasi coinvolgimento. Sostiene invece Richard Domingues Boscovich, Assistant General Counsel della Microsoft Digital Crimes Unit, che quel sito è noto per aver condotto attività illegali fin dal 2008. Il 10 settembre la magistratura permette a Microsoft di prendere il controllo del sito 3322.org, che conteneva “l’incredibile cifra di 500 diversi ceppi di malware ospitati su più di 70.000 sottodomini”.

Pericolo sventato, stavolta, ma quanti computer sono stati infettati? Microsoft fa questo appello agli utenti di tutto il mondo:

“Se ritieni che il tuo computer possa essere stato infettato, ti invitiamo a visitare http://support.microsoft.com/botnets che offre informazioni gratuite e strumenti per analizzare e pulire il computer”.

Fonte Globalist

Related posts